Home

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Cari colleghi, care colleghe,
rivolgo a voi ed ai vostri cari i migliori auguri di Buon Anno.
Un pensiero particolare desidero rivolgerlo a quanti in questo momento stanno soffrendo per la loro sorte professionale, preoccupazioni che stanno affliggendo le famiglie di tanti tra noi proprio in queste ore che dovrebbero essere allegre e spensierate, purtroppo di fronte alla crescente irragionevolezza dei nostri decisori la vita dei docenti è sempre di più affidata ai tribunali.

La Gilda di Parma e Piacenza non è solo un sindacato, ma una comunità professionale di colleghi che si aiutano tra loro facendo fronte comune, sappiate che nella Gilda troverete sempre uno di voi disposto ad ascoltarvi ed a rispondervi, sperando di potervi aiutare nel migliore dei modi
Il 2018 si preannuncia un anno ricco di impegni per la nostra associazione, affinché essa possa essere sempre di più una barriera qualificata conto la prepotenza che sempre di più inquina la scuola:
dovremo sostenere la campagna per il rinnovo delle RSU, i cui voti servono per raggiungere il quorum nazionale che ci dà titolo ad essere rappresentativi, ciò oltre all'ardua trattativa per il rinnovo contrattuale che già il 2 gennaio vedrà la nostra delegazione impegnata, il difficile confronto oltre ad essere economico riguarderà anche le regole che influiranno sulla nostra quotidianità professionale.
Voglio ringraziare particolarmente la nostra vice coordinatrice Marta Cella che spesso sottrae tempo alla sua famiglia per fare in modo che la Gilda non molli e con lei tutti coloro che quotidianamente mi "sopportano”, tra questi un particolare ringraziamento anche alla nostra RSU Anna Drogo che è diventata parte della mia vita grazie alla Gilda che ci ha fatto incontrare, ma che con i ritmi e le vicende della Gilda a causa mia è costretta quotidianamente a convivere.
Ancora Buon Anno
Salvatore Pizzo