Home

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Dopo i recenti eventi pubblici relativi alla vicenda delle emissioni odorigene nella Val Taro, la Gilda degli Insegnanti sente il dovere di puntualizzare che qualsiasi protocollo, eventualmente adottato da soggetti istituzionali, che dovesse riguardare il corpo docente delle scuole statali della zona, dovrà essere condiviso con le organizzazioni che hanno la contitolarità a rappresentare collettivamente il gli interessi degli insegnanti italiani.
Il Coordinatore della Gilda degli Insegnanti di Parma e Piacenza, Salvatore Pizzo, precisa: “Sembra pleonastico doverlo sottolineare, ma visto che le polemiche locali talvolta coinvolgono il settore scolastico, è bene precisare che i docenti quando hanno contezza che un alunno minorenne si sente male hanno sempre il dovere di avvertire le famiglie e ove ne ricorresse la particolare necessità chiamare il 118” - continua Pizzo - “altre competenze ed incombenze, ove fossero richieste, non riguardano i docenti” - conclude il rappresentante della Gilda - “ci fa piacere che una volta tanto ci sia stato del pubblico al Consiglio d'Istituto, le cui riunioni sono per legge pubbliche”.