Home

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Cinque dipendenti dell'amministrazione scolastica, ex docenti poi reclutati come dirigenti scolastici, interpellati dalla stampa locale di Parma hanno dato la loro posizione relativa ai crescenti comportamenti violenti di minori all'interno delle scuole.

Per martedì 20 febbraio 2018 risulta convocato al “Maria Luigia” un “collegio” con ordine del giorno:  “Intervento della dott.ssa Anna Paratici, docente presso l’Università Cattolica di Piacenza, per presentare una proposta di di formazione per i docenti, volta alla costituzione di curricula verticali, come auspicato dalle normative ministeriali”,

Venerdi 23 febbraio 2018 dalle ore 8 alle 10

Riteniamo grave il fatto che uno studente aggredisca il proprio insegnante che in quanto tale rappresenta anche l’Autorità Statale, trattandosi di un soggetto minore dei 14 anni egli non è perseguibile penalmente ma certamente i genitori (o chi per essi) rispondono verso terzi dei danni prodotti dai loro figli, specialmente quando essi sono compiuti verso pubblici ufficiali quali sono i docenti statali nell’esercizio delle loro funzioni.

Sono anni che la Gilda degli Insegnanti di Piacenza e Parma denuncia pubblicamente che l’Invalsi, ente statistico preposto alla rilevazione dei livelli scolastici di apprendimento, è l’unica amministrazione pubblica che pretende dalle persone prestazioni lavorative gratuite, uno vero e proprio sfruttamento che viene imposto al personale scolastico, docente e non docente.

Uno dei candidati parmensi del Pd sta “vendendo” agli elettori come un successo della sua parte politica la recente firma apposta da Cgil, Cisl e Uil al contratto degli insegnanti della scuola statale, sottoscritto chissà perchè proprio a pochi giorni dalle elezioni.

È stato provocatorio il comportamento dei parlamentari parmensi del Pd che alcuni giorni fa, in Piazzale Picelli nel cuore di Parma, hanno incontrato un gruppetto di insegnanti della scuola pubblica, si sono presentati come se fossero “amici” vicini alla categoria, in realtà sono gli stessi che fanno parte di un’organizzazione politica che si è coscientemente voluta affermare come nemica dei docenti.

L’esplicito sostegno che le amministrazioni comunali di Busseto (centro destra) e Fidenza (centro sinistra) offrono ad una scuola privata, targata “Comunione e Liberazione”, è il chiaro esempio di come la scuola statale e i suoi docenti sono trasversalmente attaccati dalla politica.